Food Forest Pramaggiore 2020


 

 

Presso la casa di paglia a Pramaggiore (VE)

25-26 Luglio 2020

 

Cos’è una Food Forest?

Un sistema agricolo composto da  alberi, arbusti, cespugli, rampicanti, piante erbacee perenni da foglia e da radice, che producano frutti, foglie, fiori, radici, legna utilizzabili in cucina, in erboristeria o come alimento per i nostri animali. Riproducendo quanto fa la Natura, realizziamo boschi (o giardini) che diventeranno al più presto autosufficienti, assai produttivi ed estremamente belli.

Anche i nostri nonni non avevano bisogno di integratori vitaminici o medicinali come noi oggigiorno. Perchè non recuperare la saggezza di questa gente che per millenni andava nei campi e nei boschi a procurarsi ciò di cui aveva bisogno per il proprio sostentamento?

E’ vero che le esigenze odierne sono diverse, ma buona parte di quanto necessitiamo la potremmo ritrovare nella natura intorno a noi.

Ripristiniamo queste foreste di cibo convertendo boschi monocolturali di conifere, piccoli terreni abbandonati, ritagli di terra di proprietà comunali non lottizzati, campi abbandonati, svincoli stradali, ecc.

Anche in una piccola superficie possiamo piantare frutti dimenticati, frutti antichi, ortaggi perenni, renderle molto produttive con il minimo sforzo e far sì che tutti possano accedervi e godere dei frutti della terra. Noi occidentali veniamo da una fase storica dove l’estetica era tutto. Forse è ora di smetterla di pensare a spendere risorse ed energia solo per questa e possiamo tornare a pensare anche alla produzione di cibo.

Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti:

  • perchè fare una food forest – la struttura e i livelli – criteri di progettazione – frangivento, sentieri e radure, struttura, piante complementari, ecc.
  • criteri di scelta delle piante e delle varietà
  • carrellata di alcune piante interessanti per una food forest: Trifogli, Veccia, Erba medica, Lotus, Robinia, Ginestra, Albero di giuda, Ontano napoletano, Eleagnus, Acero campestre, Carpino bianco, Frassino, Olmo campestre, Ontano nero, Platano, Robinia, Farnia, Tiglio, Bagolaro, Salice, Sambuco nero, Nocciolo, Corbezzoli, Corniolo, Rosa canina, Azzeruoli, Sorbi, Biancospino, Crespino, Eleagno, Olivello spinoso, Terebindo, Stafilea, Amelanchier, Agazzino-Pyracantha coccinea, Pino, Aronia, Asimina triloba, Spino di Giuda, Meli, Peri, Ciliegi, Peschi, Albicocchi, Susini, Fichi, Cotogni, Cachi, Melograni, Noci, Olivi, Castagni, Nespoli giapponese, Nespoli germanici, Giuggioli, Gelsi, Mandorlo, Agrumi, Ribes, Lamponi, Uva spina, Josta, Fejoa, More da giardino, Kiwi, Vite, Luppolo, Rucola selvatica, Valerianella, Silene, Bardana, Consolida, Bieta coste, Cicoria, Ortiche, Piantaggine, Capsella, Levistico, Nasturzio, Lamium, Calendula, Viola, Pratoline, Chenopodium, Amarantus, Portulaca, Tussillago, Stellaria, Romice, Menta, Melissa, Borraggine, Achillea, Finocchietto, Rabarbaro, Assenzio, Tanaceto, Equiseto, Fragole, Cren, Carota selvatica, Rape, Topinambur, Valeriana, Anice, Carciofo, Echinacea, Erba cipollina, Funghi , Lavanda, Origano, Papavero, Rosmarino, Ruta, Salvia, Tarassaco, Timo, Verbasco, Asparagi, Bambù, Tropaeolum tuberosum, Cardo, Cardo mariano, Malva, Iperico, Emerocallis, Acanto, Apios americana, Lythrum salicaria, Bidens aurea, Evodia tetradium daniellii, Caprifoglio, Altea comune, Fuchsia magellanica, Fior di Loto, Castagna d’acqua, Typha, Ipomea acquatica, Mentha aquatica, Nasturtium officinalis, Veronica becabunga.
  • impianto ex novo – trasformare un bosco – piantare una pianta – gilde e consociazioni
  • riproduzione delle piante
  • normative – animali in food forest: pro e contro
  • funghi e micorrize
  • coltivare l’acqua in food forest
  • pulizia,  manutenzione, raccolta, esempi di food forest

??????????????????????????

________________________________________________________

QUANDO: sabato: 10.00-18.00     domenica:  9.30-17.30

DOVE: presso la casa di Paglia al Centro di Permacultura La Boa di Pramaggiore (VE)  mappa

COSTO: 100€  comprensivo di docenze, pranzi del mezzogiorno e merende.

ISCRIZIONE: 

1) compilare la scheda inserendo il codice FFBA1,

2) versare la caparra di € 50,00 (il saldo potrà essere fatto la mattina del corso) con bonifico su IBAN: IT38N0760102000000099551814 intestato ad: Associazione Culturale Nuove Prospettive – nella causale specificare solo il codice FFBA1 e il cognome del partecipante. Attenzione: non scrivete altro nella causale perché va in automatico e potreste bloccare il sistema, 

3) mandare copia del bonifico (va bene anche uno screenshot col cellulare dove ci sia scritta la causale del versamento con il nome del partecipante) a:

 casadipaglia@hotmail.com 

4) solo quando avrete svolto i primi tre punti, vi verrà mandata una mail di conferma 

 

PROMOZIONE

Quando compilerai la tua scheda di iscrizione, nella schermata di conferma che ti appare, c’è un codice sconto (scrivetevelo!). Invita altre persone a iscriversi; per ogni registrazione effettuata con il tuo codice, riceverai uno sconto di 10€ sulla quota di partecipazione al presente seminario (non fruibile su altri corsi) che ti verrà restituito la mattina del corso.
Chi si iscriverà con il tuo codice riceverà a sua volta uno sconto di 10€ – che verrà restituito la mattina del corso.

MANGIARE: pranzi del mezzogiorno e merende sono comprese nel prezzo; ci saranno pietanze vegetariane e non; vegane su richiesta.

DORMIRE: ci sono diversi B&B nella zona

B&B Villa Miri (convenzionato) – via delle Abbazie, 26 Summaga (VE) – tel. 328 1888676 mirellabergamo1@gmail.com – Se volete risparmiare qualcosa potete chiedere a Mirella di condividere la stanza con altri corsisti.

B&B Cà da mi  – Via Friuli 31, Cinto Caomaggiore (VE) – tel. 348 2856443

B&B Casamia  – Via Triestina, 1, San Stino di Livenza (VE) – tel. 338 4944571

Hotel Al Belvedere  – Via Belvedere, 10, Pramaggiore (VE) – tel. 0421 799021

________________________________________________________

DOCENTE

Stefano Soldati: dal 1982 si occupa di cerealicoltura e dal 1986 di agricolture alternative. Dal 1994 gira per il mondo insegnando agricoltura biologica, management aziendale, Permacultura e dal 2003 si occupa di costruzioni con balle di paglia. É uno dei primi quattro italiani diplomati in Permacultura. È stato il primo Presidente della Accademia Italiana di Permacultura. È docente presso la Scuola di Pratiche Sostenibili di Milano, presso l’Ecovillaggio GAIA a Navarro (Argentina), il CAT in Galles (UK). Nel 2011 è stato nominato dall’Ente Governativo Argentino INTI quale “Giudice Esperto Internazionale” insieme a David Holmgren nel concorso di idee progetto per la costruzione della nuova sede dell’Ente a Buenos Aires.
Ha coltivato il suo orto per 35 anni e dal 2011 ha realizzato con corsi 26 food forest. 

??????????????????????????

 

Copyright © Dandelion by Pexeto