Come nutrire l’umanità senza distruggere il pianeta


dalle ore 19:00 alle 21:30

Via Martiri della Bettola 6,

Reggio nell’Emilia

info:  casabettola@gmail.com

ore 19.00 Aperitivo

ore 19.30 Incontro con Stefano Soldati

Siamo giunti al punto in cui non possiamo più stare a guardare. Ciascuno di noi ha una precisa responsabilità: fare qualcosa per il futuro del pianeta. E’ un problema con radici strutturali e sistemici. una questione che non possiamo rimandare al futuro o delegare ad altri. La nostra indifferenza o la sensazione di impotenza davanti a fenomeni catastrofici non è un valido motivo per non agire.

Il concetto di sostenibilità abbraccia tutti gli aspetti della vita umana e non-umana, e prende in considerazione una serie di fattori che determinano la tendenza verso un futuro più o meno accettabile per l’umanità e gli ecosistemi.

La qualità e la quantità di acqua, aria, suolo, energia, la produzione alimentare a livello globale e locale, le aspettative di vita in diverse parti del mondo, i cambiamenti climatici e la crescita della popolazione concorrono a formare il quadro di come sarà la vita su questo pianeta nei prossimi anni. Non possiamo scindere e trattare separatamente tutti questi elementi, perché ripercorreremmo la stessa strada che ci ha portato alla situazione attuale di estrema instabilità.

Ma ognuno di noi cosa possiamo fare? Durante la serata ci confronteremo su alcuni interventi che, nel piccolo e nel grande, possono aiutare a cambiare rotta.

Parlerà Stefano Soldati che dal 1986 si occupa di agricoltura sostenibile. Dal 1994 gira per il mondo insegnando agricoltura biologica, management aziendale, Permacultura e dal 2003 costruzioni con balle di paglia. É uno dei primi quattro italiani diplomati in Permacultura ed è stato fondatore e primo Presidente della Accademia Italiana di Permacultura.

Copyright © Dandelion by Pexeto